Crea sito

La profondità del suo sguardo

Steve McCurry, Zhengzhou, Cina, 2004
Steve McCurry, Zhengzhou, Cina, 2004

I colori sono incredibili – il rosso fuoco dei veli delle donne che si chiudono in cerchio, colte da un’improvvisa tempesta di sabbia nel Rajasthan – tanto intensi e nitidi da apparire spesso innaturali. Alcune pose dei personaggi ritratti sono sorprendenti, irripetibili, come nel caso delle fotografie scattate nei monasteri Shaolin, in Cina, o quello ancor più stupefacente dei pescatori arrampicati su uno stelo di legno in mezzo al mare dello Sri Lanka. I paesaggi, naturali o urbani, lasciano a bocca aperta generando nello spettatore un automatico desiderio d’Oriente. Poi ci sono gli occhi e sono senza alcun dubbio l’aspetto più affascinante e coinvolgente degli scatti di Steve McCurry raccolti nella mostra Viaggio intorno all’uomo, a Genova, negli spazi del sottoporticato di Palazzo Ducale, fino al 24 febbraio.

Steve McCurry, Mumbai, India, 1996
Steve McCurry, Mumbai, India, 1996

Attraversando la raccolta di oltre 200 fotografie suddivise in cinque sezioni splendidamente allestite, non si può fare a meno di incrociare gli sguardi ritratti da McCurry con la sensazione di essere a nostra volta osservati. Non sono tanto gli occhi famosi e un po’ stanchi di Robert De Niro o quelli di Aung San Suu Kyi, che si distaccano dall’obiettivo, come colti da un pensiero, a generare la vitalità estrema dell’immagine, ma quelli umidi e profondi dei nomadi indiani, che sembrano ancor più chiari in contrasto con il colore della pelle.

Steve McCurry, Peshawar, Pakistan, 1984
Steve McCurry, Peshawar, Pakistan, 1984

Emblema di tutti gli altri occhi sono quelli della ragazza afgana diventata famosissima in tutto il mondo proprio grazie alla foto che McCurry le ha scattato nel campo nomadi di Peshawar, in Pakistan, nel 1984. Il risultato di pochi scatti rubati prima che Sharbat Gula fuggisse impaurita dalla macchina fotografica che, forse, vedeva per la prima volta in vita sua. «Ho capito subito che era un ritratto importante per la profondità del suo sguardo, che raccontava tutta la tristezza della condizione del popolo afgano costretto a vivere nelle tende di questi campi profughi – spiega il fotografo – . […] Lei guardava il mio obiettivo in modo curioso». Lo stesso grado estremo di curiosità con cui l’obiettivo guardava lei, cercando di comprenderne la natura che si palesava attraverso lo specchio degli occhi per immortalarla istantaneamente. Perché il fotografo non è altro che un uomo ridotto al solo suo sguardo e McCurry è sguardo che si apre agli altri sguardi, li ricerca senza sosta, ne è irrimediabilmente attratto, se ne appropria perché chiunque possa incontrarne e conoscerne la profondità.

Fino al 24 febbraio 2013
Palazzo Ducale
Piazza Giacomo Matteotti 9, Genova
Info: www.stevemccurrygenova.it

One thought on “La profondità del suo sguardo

Comments are closed.