Crea sito

L’unica qualità che riscatta l’universo è la sua indifferenza

Le belve è un romanzo ingannevole. Lo apri, leggi le prime righe e subito la grande mano di Don Winslow ti afferra e ti scaraventa nel confine fra Messico e California, a seguire le imprese di Ben e Chon, amici e spacciatori, costretti a una narco-guerra che sanno di non poter vincere ma dalla quale non possono tirarsi fuori, pur di salvare la loro amata Ophelia, per gli amici O. C’è gente che muore, spesso molto male e raramente nel proprio letto; c’è il sesso; c’è il tema dei pochi e caparbi eroi contro l’esercito dello spietato villain; c’è il degenero di un’umanità trascinata in assurde lotte per un potere che, in fondo, sono in pochi a volere davvero; c’è l’irrazionalità dei sentimenti come motore del tutto; c’è l’ineluttabilità del destino. Insomma tutto quello che serve per un noir solido e coinvolgente. E tu sei lì che leggi, non ce la fai a smettere, sei catturato dalla prosa asciutta e brillante, dai dialoghi precisi e taglienti, dal black humor da gangster, dallo snodarsi ben calibrato della trama, da un ritmo che non cala, da una tensione costante, da un taglio estremamente cinematografico (ammesso che i tuoi gusti lo ritengano un pregio). Ridi, ti esalti, ti preoccupi, fai il tifo per i buoni – laddove buoni è un termine da prendere con estrema cautela – finisci di leggere, chiudi il libro e dici “wow”.
Poi ci pensi su e pian piano tornano a galla quei dettagli ai quali, nell’impeto della lettura, avevi dato poco peso: lo scarso spessore dei personaggi, certe trovate stilistiche – parole allineate al centro, capitoli di tre righe – piuttosto gratuite, le critiche al consumismo un po’ tirate per i piedi. Quando poi scopri che il libro è già diventato un film, diretto nientemeno che da Oliver Stone, il cui nome peraltro compare già nei ringraziamenti, ti viene quasi da pensare che Winslow abbia rimaneggiato una sceneggiatura per poi vendertela come un libro, addirittura ti sfiora il dubbio che si tratti di un’astuta operazione di marketing per lanciare il film.
Il tuo giudizio rimane quindi in sospeso, diviso fra la frenesia che ti rapiva mentre leggevi e la sensazione che l’autore abbia voluto darti esattamente quello che volevi senza sbagliare nulla nel prepararti questo regalo, nemmeno la carta con cui l’ha impacchettato. Insomma, ti sei accorto di essere stato artatamente sedotto e non capisci se ciò ti abbia dato fastidio oppure no.
Forse un po’ sì e probabilmente Winslow ha scritto di meglio. Ciò non toglie che mentre seguivi le imprese di Ben, Chon, O e tutti gli altri tu ti sia ritrovato proprio lì, ad annusare i profumi del Messico, a viverne la tensione, a rimirare le spiagge californiane e ad assaporare il miscuglio di paura e adrenalina appena prima di un agguato. E scusate se è poco.

Titolo: Le belve
Autore: Don Winslow
Editore: Einaudi, Stile libero Big
Dati: 2011, pp. 456, euro 19,50

Acquistalo su Webster.it