Crea sito

Prevenire il suicidio al tempo della crisi: le domande senza risposta

quint2Ricominciare dalla salute mentale. Poiché il nostro paese soffre di una grave patologia, la recessione, morale soprattutto, prima che economica, al di là della crisi finanziaria, subìta ma spesso usata come alibi a coprire altro, si dovrebbe lavorare a livello politico e istituzionale a “costruire una gigantesca riserva psichica mentale”, un serbatoio di benessere disponibile, oltreché potenziare servizi territoriali di cui avremo sempre più bisogno. Il tema della salute mentale ci riguarda da vicino tutti, nessuno si senta escluso, perché è in ascesa la vulnerabilità psichica: i parametri di riferimento delle nostre società occidentali sono saltati o stanno saltando uno dopo l’altro; l’individuo è smarrito se non perso in assenza d’identità sociale che era data dal lavoro, tra il venir meno della rete di ‘contenimento’ familiare e dei nuclei tradizionali di aggregazione. I modelli di riferimento culturali invece restano rigidi e la risposta individuale sta  spesso nell’incapacità di adattamento alla perdita di ogni certezza e di accettazione di un presente polverizzato dal venir meno di velleità di progresso storico lineare; d’altra parte il divario tra costo della vita e capacità di sussistenza si accentua rendendo spesso impossibile una dignitosa esistenza.

346_Its_All_Derivative_The_Skull_in_Gold_For_Web

La crisi economica (espressione vaga e svaporata perché sottintende una tale complessità di circostanze) allora si traduce nel migliore dei casi in profondo disagio mentale che implica aumento delle richieste di interventi ospedalieri e territoriali; nel peggiore, quando la sofferenza mentale è insopportabile e ingestibile, in suicidi: 4 mila l’anno secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità. È come se ogni anno un comune italiano fosse spazzato via da una calamità naturale. L’idea di realizzare una gigantesca riserva psichica mentale, l’ha lanciata lo psichiatra Massimo di Giannantonio, professore ordinario di Psichiatria presso l’università degli studi D’Annunzio di Chieti e dirigente di II livello del Centro di salute Mentale della Asl di Chieti. Pare corrispondere in ambito psichico a una memorabile frase delle Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar: “Fondare biblioteche è come costruire ancora granai pubblici, ammassare riserve contro un inverno dello spirito che  da molti indizi, mio malgrado  vedo venire”.  Se le riserve mancano e ci si accanisce con una politica di tagli sulla sanità, nell’inverno spirituale italiano da troppo tempo avanzante, come si potrà rispondere a una domanda crescente di salute mentale?  Di Giannantonio ha trattato questa complessa problematica nel corso del forum dedicato a La prevenzione del suicidio in tempi di crisi economica svolto nell’ambito del congresso della Società italiana di Psicopatologia (Roma, 13-16 febbraio, Psichiatria clinica: rigore e creatività), di ritorno da una conferenza stampa volutamente organizzata presso la sala stampa della Camera dei deputati in cui la Società italiana di Psichiatria ha presentato ai candidati alla premiership del paese domande cruciali per conoscere quali saranno le intenzioni del prossimo governo in tema di salute mentale. Domande rimaste senza risposta. La Società italiana di Psichiatria ha portato all’attenzione istituzionale “un dato di partenza epidemiologico inequivocabile e oggettivo: a ogni riduzione di punto di Pil per aziende che chiudono a seguito della crisi economica, il tasso di suicidi registrato epidemiologicamente è dello 0,97. Come va giù l’economia sale il tasso suicidario”, ha riferito di Giannantonio. A partire da questo dato incontrovertibile, gli psichiatri chiedono ai candidati di assumere precise responsabilità sul tema della salute mentale in Italia. Le domande poste riguardano i seguenti temi: investire nella salute mentale e attuare riforme con particolare attenzione al territorio; avviare programmi di supporto per i lavoratori disoccupati; potenziare i servizi sociali per offrire supporto alle famiglie; controllare prezzi e disponibilità degli alcolici;  sensibilizzare al tema delle ‘agenzie di debito’ che significano vertiginoso aumento di ludopatie e game patologico; evitare ‘l’effetto Werther’ dei media per il modo in cui si spettacolarizzano le notizie di suicidi. Sul tema dell’organizzazione della salute mentale e dei servizi, ci sono insegnamenti molto chiari che vengono da altri paesi: “In Spagna – ha detto di Giannantonio – sono stati tagliati i fondi e c’è stato il picco epidemiologico. Mentre gli stati europei che hanno affrontato l’onda della crisi economica e investito sul tema della salute mentale, arricchito la rete dei dipartimenti di salute mentale sul terreno della prevenzione, hanno avuto tassi di suicidio dimezzati, abbattuti”.

quint-buccholz

Prevenire il suicidio si può, anche in un periodo di crisi economica: parola dello psichiatra Maurizio Pompili, responsabile del servizio di prevenzione del suicidio dell’ospedale Sant’Andrea di Roma, centro unico in Italia e a livello mondiale. Il suicidio è un grave problema di salute pubblica, pesa sulla collettività, ha conseguenze su chi resta. A detta di Pompili, aggrava il quadro  l’informazione o meglio la ‘mala-informazione’ dilagante: “di nuovo  il web si è popolato di scenari che inneggiano al ruolo delle istituzioni come responsabili del suicidio di imprenditori”. Il fatto è che viviamo nella bolla di un presente scollegato dal passato e non proteso verso alcun futuro, immemori di fasi storiche non meno cruciali: “A fare un salto indietro – ha detto Pompili – nel 1880 l’Italia era stata toccata da una crisi economica simile all’attuale. Quando ci fu la grande crisi del ’29 diminuirono tutte le cause di mortalità, mentre aumentò quella per suicidio. La letteratura ci dice che c’è una forte associazione tra disoccupazione e rischio suicidio”. I dati italiani su tentativi di suicidio e suicidi avvenuti riferiti al periodo 2008-10 si basano su calcoli Istat e sono incompleti. “I nuovi dati saranno disponibili tra un mese circa e riguardano il 2010, una popolazione tra i 25 e i 69 anni, cioè coloro che lavorano o vorrebbero lavorare, mentre  c’è stata una diminuzione dopo i 70 anni”. La prevenzione del suicidio si pratica in molte forme: “educando i mass media a un nuovo modo di dare le notizie, dando riferimenti chiari e precisi su dove essere aiutati e come, dando speranza e riducendo l’odio di sé; facendo una valutazione corretta del rischio suicidio. L’elemento nuovo quando non ci sono i soldi è: conoscere e riconoscere i segnali di allarme”. C’è un film d’animazione uscito qualche mese fa nelle sale, La bottega dei suicidi del regista Patrice Leconte che è parabola di speranza: un negozio offre agli abitanti di una città triste, inquinata e depressa tutti i metodi per suicidarsi. Ma proprio quando alla proprietaria nasce un bambino, la vita torna a trionfare più forte di prima. “Noi siamo l’elemento nuovo e non c’è bisogno di soldi. Abbiamo la responsabilità di mostrare altre opzioni, suggerire metodi per fronteggiare la sofferenza. Abbiamo avuto imprenditori che avevano debiti, si volevano suicidare, ora non ci pensano più”, ha concluso Pompili.

quint 4

Servizio per la prevenzione del suicidio Ospedale Sant’Andrea – Roma – Help line lun-ven dalle ore 9.30 alle ore 16.30 al numero 06 33 77 77 40. È possibile prenotare visite presso il Centro telefonando dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 13.30 al numero 06/33775675. Il Centro è coordinato dal prof. Maurizio Pompili, Dipartimento di Psichiatria, Ospedale Sant’Andrea – Via di Grottarossa, 1035 – 00189 Roma – Email: [email protected]

2 thoughts on “Prevenire il suicidio al tempo della crisi: le domande senza risposta

Comments are closed.