Crea sito

Record Store Day: belli, giovani e indipendenti

Un negozio di dischi, se si occupa di musica indipendente, non è solo un mero luogo di vendita. È un posto complesso, affascinante, dove trascorrere interi pomeriggi a scartabellare tra pile di dischi e conoscere nuova musica, magari su consiglio di un proprietario animato da una passione sconfinata.

Un luogo dove nascono band e amicizie, dove si sviluppano confronti a volte accesi su questo o quell’artista e dove è facile incontrare strani personaggi che sembra non facciano altro da anni che ascoltare gruppi che tu non conoscerai mai, e i cui nomi sono spesso ai limiti della fantascienza.Per salvare questo patrimonio, messo in ginocchio dalla crisi dei supporti e dal downloading legale e illegale, nel 2007 è nata negli Stati Uniti l’idea di una giornata che celebri il negozio di musica indipendente e il suo importante ruolo nella divulgazione di cultura.
Da allora ogni anno, il terzo sabato di aprile, si festeggia il “Record Store Day“, momento in cui i punti vendita si uniscono agli artisti per celebrare l’arte della musica.
In poco tempo sono stati migliaia i negozi che hanno aderito all’iniziativa, dall’Europa, all’Africa, all’America del Sud, all’Asia, all’Australia. Il “Record Store Day” è diventata una giornata mondiale, con un sito internet  che costituisce la piattaforma in cui vengono fissati i punti della giornata, dove trovare informazioni e conoscere gli stores che vi prendono parte.
In sostanza si lascia totale autonomia al singolo negozio nell’organizzazione delle proprie attività. Proprio perché l’unico obbligo per poter partecipare è quello di essere davvero indipendenti, cioè di non fare parte di gruppi e corporation, e di essere presenti fisicamente sul territorio.
Sabato 17 aprile, come avviene ogni anno, i negozi di dischi saranno in festa, organizzando per tutta la giornata concerti e showcase, mostre, promozioni o stampando e distribuendo dischi in edizione speciale.
Tutto all’interno dello spazio fisico del negozio, da (ri)scoprire con il “Record Store Day” e da tornare a frequentare. Un luogo di aggregazione e conoscenza, stroardinario veicolo di cultura.


IL RECORD STORE DAY A ROMA

La festa dei negozi di dischi coinvolgerà anche la Capitale con una serie di iniziative, concerti e promozioni.
Per tutta la giornata Hellnation Records, in Via Nomentana 113, sarà in festa proponendo sconti del 30% sui dischi in vinile e promuovendo le magliette al simbolico prezzo di 5 euro. Nel pomeriggio birra, chinotto Neri e in concerto il power trio The Sweepers.
Festa anche al Pigneto da “Radiation Records” (Circonvallazione Casilina 44) con tanta musica, sconti significativi su tutti gli articoli (15% nuovo, 30% usato) e, a partire dalle 18, party con il duo punk blues dei “Capputtini i’Lignu” (Jeet Kune Records) per un breve concerto all’interno del negozio.
Per gli amanti del reggae e dei ritmi in levare l’appuntamento è da One Love Music Corner (via di Porta Labicana 38) a San Lorenzo con  sconti e promozioni su vinile e cd, aperitivo e   buone vibrazioni con il negozio aperto anche di sera.
Partecipano all’iniziativa supportando il “Record Store Day” e praticando sconti e promozioni anche i punti vendita Soul Food, in via di San Giovanni in Laterano 194, Disco Più a Centocelle in via dei Platani, e Vinyl Refresh in via L’Aquila, al Pigneto.

Un negozio di dischi, se si occupa di musica indipendente, non è solo un mero luogo di vendita. È un posto complesso, affascinante, dove trascorrere interi pomeriggi a scartabellare tra pile di dischi e conoscere nuova musica, magari su consiglio di un proprietario animato da una passione sconfinata.

Un luogo dove nascono band e amicizie, dove si sviluppano confronti a volte accesi su questo o quell’artista e dove è facile incontrare strani personaggi che sembra non facciano altro da anni che ascoltare gruppi che tu non conoscerai mai, e i cui nomi sono spesso ai limiti della fantascienza.

Per salvare questo patrimonio, messo in ginocchio dalla crisi dei supporti e dal downloading legale e illegale, nel 2007 è nata negli Stati Uniti l’idea di una giornata che celebri il negozio di musica indipendente e il suo importante ruolo nella divulgazione di cultura.

Da allora ogni anno, il terzo sabato di aprile, si festeggia il “Record Store Day”, momento in cui i punti vendita si uniscono agli artisti per celebrare l’arte della musica.

In poco tempo sono stati migliaia i negozi che hanno aderito all’iniziativa, dall’Europa, all’Africa, all’America del Sud, all’Asia, all’Australia. Il “Record Store Day” è diventata una giornata mondiale, con un sito internet (www.recordstoreday.com), che costituisce la piattaforma in cui vengono fissati i punti della giornata, dove trovare informazioni e conoscere gli stores che vi prendono parte.

In sostanza si lascia totale autonomia al singolo negozio nell’organizzazione delle proprie attività. Proprio perché l’unico obbligo per poter partecipare è quello di essere davvero indipendenti, cioè di non fare parte di gruppi e corporation, e di essere presenti fisicamente sul territorio.

Sabato 17 aprile, come avviene ogni anno, i negozi di dischi saranno in festa, organizzando per tutta la giornata concerti e showcase, mostre, promozioni o stampando e distribuendo dischi in edizione speciale.

Tutto all’interno dello spazio fisico del negozio, da (ri)scoprire con il “Record Store Day” e da tornare a frequentare. Un luogo di aggregazione e conoscenza, stroardinario veicolo di cultura.

IL RECORD STORE DAY A ROMA

La festa dei negozi di dischi coinvolgerà anche la Capitale con una serie di iniziative, concerti e promozioni.

Per tutta la giornata Hellnation Records, in Via Nomentana 113, sarà in festa proponendo sconti del 30% sui dischi in vinile e promuovendo le magliette al simbolico prezzo di 5 euro. Nel pomeriggio birra, chinotto Neri e in concerto il power trio The Sweepers (myspace.com/sweepers).

Festa anche al Pigneto da “Radiation Records” (Circonvallazione Casilina 44) con tanta musica, sconti significativi su tutti gli articoli (15% nuovo, 30% usato) e, a partire dalle 18, party con il duo punk blues dei “Capputtini i’Lignu” (Jeet Kune Records) per un breve concerto all’interno del negozio.

Per gli amanti del reggae e dei ritmi in levare l’appuntamento è da One Love Music Corner (via di Porta Labicana 38) a San Lorenzo con sconti e promozioni su vinile e cd, aperitivo e buone vibrazioni con il negozio aperto anche di sera.

Partecipano all’iniziativa supportando il “Record Store Day” e praticando sconti e promozioni anche i punti vendita Soul Food, in via di San Giovanni in Laterano 194, Disco Più a Centocelle in via dei Platani, e Vinyl Refresh in via L’Aquila, al Pigneto.

One thought on “Record Store Day: belli, giovani e indipendenti

Comments are closed.