Crea sito

Che cosa succede in città. Torino. Questa non è Artissima

La città di Torino si appresta ad affrontare un fine settimana che può benissimo essere inteso come il vertice della sua stagione artistica. Ovviamente ci riferiamo alla tre giorni fieristica di Artissima, giunta quest’anno all’edizione della maturità, la diciottesima. Per festeggiare si è ben pensato di raddoppiare l’evento fieristico, contrapponendo alle oltre cento gallerie nazionali e internazionali che esporranno all’Oval Lingotto Fierie, un’altra manifestazione, The Others, al Museo del Carcere Le Nuove, a cui prenderanno parte altre quaranta realtà del panorama italiano. Come se non bastasse, per il settimo anno di fila, il quartiere multietnico di San Salvario diventerà il palcoscenico di Paratissima, l’evento off di Artissima, che, dismessi i panni sgangherati delle primissime edizioni, presenta un parterre di eventi tanto ampio quanto interessante.

Sembrerebbe più che sufficiente per soddisfare anche i palati onnivori degli appassionati più esigenti, ma non finisce qui. Anticipando di una settimana le infinite inaugurazioni del weekend artistico torinese prossimo venturo, lo scorso 27 ottobre, hanno aperto i battenti due mostre, accomunate l’un l’altra dall’alta qualità dell’offerta, che si spera possano trarre giovamento dall’assiepamento di aficionados del contemporaneo che prenderà presto d’assalto il capoluogo piemontese.

La mostra del collettivo Truly Design, presso la Galo Art Gallery, ha già riscosso un sorprendente successo di pubblico nella sua serata inaugurale, tanto che, avvicinandosi alla galleria, si aveva l’impressione di avere a che fare con un vivace locale notturno, più che con una mostra. Poco distante, il vernissage della personale dell’artista americana Andrea Polli, al PAV (Parco d’Arte Vivente), pur avendo richiamato un numero più ristretto di persone, non per questo è risultato meno coinvolgente.  Giostrarsi tra le due mostre nell’arco di una sola serata ha il beneficio di sottolineare ulteriormente quelle che, al momento, sono le due correnti artistiche più vivaci e stimolanti: la street art e l’arte ecologica, lontane centinai di chilometri l’una dall’altra, ma accomunate dalla capacità di instaurare un discorso diretto e immediato con il pubblico.

I quattro di Truly Design (Emanuele ‘Rems182’ Ronco, Marco ‘Mach505’ Cimberle, Rocco Emiliano ‘Ninja1’ Fava e Mauro ‘Mauro149’ Italiano) riescono ad affascinare grazie a un immaginario pop variegato e non banale, che riflette i caratteri ben distinti di ciascun membro – dai ritratti di altri writers e delle loro bombolette, ai vortici animaleschi –  e, soprattutto, per l’esplosione abilmente calibrata della gamma cromatica impiegata, che da vita a un panorama infinito di varianti, da quelle più intense e infuocate a quelle oniriche e insalubri.

 

Al PAV, Andrea Polli, con la sua mostra Breathless, gioca su un altro tipo di comunicazione che, pur fondandosi anch’essa su di un’iniziale fascinazione estetica – la cascata infuocata Particle Falls e la FIAT 500 avvolta nella nebbia da lei stessa prodotta lasciano realmente senza fiato –, travalica successivamente nella divulgazione di dati climatici estremamente complessi e astratti. Le opere della Polli sono in primo luogo dei veicoli divulgativi. Tanto la cascata digitale, che la FIAT 500 rendono visibile un lato nascosto dell’ambiente artificiale con cui abbiamo a che fare quotidianamente, la prima cambiando di intensità luminosa man mano che muta il tasso di PM10 rilevato all’ingresso del museo e la seconda manifestando l’inquinamento prodotto da una singola automobile sotto forma di vapore acqueo.

C’è da esser certi che non tutta l’arte in esposizione ad Artissima sarà in grado di far pensare quanto le opere di Andrea Polli e, men che meno – viste alcune astruse tendenze contemporanee – sarà capace di affascinare con l’immediatezza di quelle del collettivo Truly Design, ma le due mostre saranno aperte anche il prossimo fine settimana, quindi, se proprio non ne potrete più di gallerie snob che vi impongo la loro idea di arte, be’, sapete dove recarvi. Dite che vi mandiamo noi.

Truly Design – Questo non è un graffito
fino al 26 novembre 2011
Galo Art Gallery
Via Saluzzo 11/g
011 7900074
[email protected]
www.galoartgallery.com

 

Andrea Polli – Breathless
fino al 26 febbraio 2012
PAV
Via Giordano Bruno 31
011 3182235
www.parcoartevivente.it